Musei Egizi 3D – Tour in realtà Virtuale

Museo Realtà Virtuale Egizio - Tour 3D

Musei Egizi 3D: Un tour in realtà virtuale nei siti archeologici

Il Ministero del turismo egiziano ha dato l’accesso in realtà virtuale ad alcuni siti archeologici e musei ai popoli del mondo permettendo di osservare alcuni fantastici reperti della civiltà egiziana.

Museo Egizio Cairo visita virtuale: clicca in fondo alle descrizioni per accedere al viaggio virtuale.
 

 

La Tomba di Menna

 


La Tomba di Menna

La Tomba di Menna è una delle più visitate e meglio conservate delle piccole tombe d’elite della 18 ª dinastia nella necropoli tebana.

Guarda in 3d la tomba di Menna

 

La tomba della Regina Meresankh III

 


Museo Realtà Virtuale Egizio

La Regina Meresankh III era nipote del re Khufu, costruttore della Grande Piramide di Giza e moglie di Khafre o Menkaure. La sua unica Cappella sotterranea conserva scene splendidamente scolpite e dipinte della Regina e della sua famiglia reale, nonché servi, artigiani e sacerdoti funerari. Le scene raffigurano anche il tipo di ricca merce di sepoltura che erano presenti nella tomba di Meresankh: statue e mobili fini, scatole contenenti del cibo, abbigliamento e gioielli; vi è inoltre una rappresentazione del sarcofago di granito nero che è stato trovato nella sua camera di sepoltura.

Guarda in 3D la tomba della regina Meresankh III

 

Il Monastero rosso

 


Monastero Rosso Egiziano

 

 

Si trova a 21 chilometri a ovest della provincia di Sohag. È considerato uno dei monasteri più importanti stabiliti durante la storia del cristianesimo. A causa dei mattoni rossi che costituiscono la maggior parte della sua muratura, è noto come il Monastero Rosso. Il calcare bianco è stato impiegato nella costruzione dell’edificio così come diverse colonne rosa e nero.

Il monastero è stato fondato da San Bishoy all’inizio del IV secolo d.C. ma subì di due incendi, il primo fu durante il periodo romano, e il secondo è stato a causa di attacchi berberi.

Tutto ciò che rimane del Monastero Rosso è la sua chiesa e le mura che la circondano a sud. Vi sono anche i resti di una struttura a nord della chiesa sopravvissuti e si pensa appartengano ad una zona industriale.

La chiesa principale è composta da un lungo spazio rettangolare composto da tre ali. L ‘ ala centrale è la più grande delle tre. Una chiesa conosciuta come “Chiesa della Vergine Maria” è attaccata al suo angolo sud-ovest. Sulla sua estremità orientale, la chiesa del monastero termina in una struttura decorata con murales fatti con vernice e tempera raffigurante scene bibliche che includono Gesù Cristo, la Vergine Maria, i Quattro Vangeli e gli Apostoli.

Il forte occupa l’area a sud della chiesa, alla quale sono attaccate le sue strutture. Probabilmente risale al regno dell’imperatrice Helena.
È un edificio più o meno quadrato composto da quattro piani, il terreno e primi piani di mattoni al forno, la cima di mattoni di semplici mattoni di fango secco al sole. Il forte stesso contiene diverse unità che permettono ai monaci di risiedersi per lunghi periodi di tempo, tra cui una chiesa, cellule, un deposito e una fonte d’acqua.

Guarda in 3D il Monastero Rosso

 

 

Moschea, Madrasa e Khanqa del Sultano Barquq

 


Moschea Madrasa e Khanqa Del Sultano Barquq

 

Godetevi un tour virtuale in Moschea, Madrasa e Khanqa del Sultano Barquq, una meraviglia architettonica, con i suoi numerosi elementi architettonici e decorativi.
Inaugurato nel 1386 d.C. si trova nel bel mezzo di uno dei più grandi complessi architettonici al mondo, nella famosa via al-Mu ‘ izz. Fu costruita durante il regno del re Zahir Abu Sa ‘ id Barquq.

Guarda in 3D La Moschea

 

Sinagoga Ben Ezra nel Vecchio Cairo

 


Sinagoga Ben Ezra nel Vecchio Cairo

Godetevi il tour virtuale per la Sinagoga Ben Ezra nel Vecchio Cairo, situato nel complesso religioso dell’Old Cairo, vicino al museo copto e alla Chiesa di San Sergio e Bacco. Era originariamente una chiesa conosciuta come al-Shamma ‘ in Chiesa, che la Chiesa ortodossa copta vendette nel 882 d.C. alla comunità ebraica.

 

Guarda in 3D la Sinagoga Ben Ezra

 

Necropoli di Beni Hasan


Necropoli Beni Hassan

 

Un nuovo tour virtuale del cimitero con colori luminosi,  una delle tombe di beni Hassan, comprende circa 40 tombe.

Guarda la Necropoli in 3D

 

Catacombe Kom al-Shuqafa ad Alessandria

 


Catacombe di Kom El Shoqafa

 

Le catacombe Kom al-Shuqafa ad Alessandria sono tra i monumenti più sorprendenti, belli e meglio conservati del periodo romano Egitto (30 a.C. C 395). Una scala a spirale conduce circa 20 metri sotto terra, dove sarcofagi decorati con ghirlande di foglie di vite, grappoli di uva e teste di Medusa, così come loculi (nicchie rettangolari scolpite nelle pareti utilizzate per sepolture), piccole nicchie quadrate nelle pareti dove le urne contengono ancora i corpi cremati. È anche qui che si possono vedere alcuni dei migliori esempi della miscelazione della cultura egiziana e greco-romana. La camera principale è decorata con rilievi raffiguranti scene puramente antiche ma eseguita in stile d’arte classica. Fuori dalla camera, su entrambi i lati della porta, c’è una raffigurazione dell’Agathodaimon, una divinità protettiva dei serpenti. Protegge la camera, avvolto intorno allo scettro del dio greco Hermes conosciuto come il caduceo, indossando la doppia Corona dell’Alto e Basso Egitto.

 

La Tomba di Ramses VI

 


La Tomba di Ramses VI

Questa tomba fu iniziata dal re Ramesse V (1147–1143 a.C.) della ventesima dinastia. Sebbene non sia chiaro se alla fine sia stato sepolto qui, è chiaro che suo zio Ramesse VI (1143-1136 aC circa) ingrandì la tomba e la usò per la sua sepoltura. Le capanne degli operai che costruirono questa tomba furono costruite direttamente sulla sommità del terreno che nascondeva la scala che portava alla tomba di Tutankhamon. In altre parole, è grazie alla tomba di Ramesse VI che quella di Tutankhamon è stata scoperta nel 1922 con tutti i suoi tesori di fama mondiale al suo interno.
I rilievi murali squisitamente dipinti di KV9 sono molto ben conservati. Il programma decorativo della tomba consiste in vari testi funerari per aiutare il re nella sua riuscita transizione verso l’aldilà, tra cui il Libro dei Cancelli, il Libro delle Caverne, l’Amduat e il Libro dei Morti. Tutti i soffitti sono decorati con scene e testi astronomici. Il soffitto della camera funeraria è decorato con una scena suggestiva che raffigura la dea del cielo Nut inarcata sulla terra. Il disco solare è raffigurato davanti alla sua bocca, che sta per ingoiare. Questa è una rappresentazione mitologica del tramonto. Dodici dischi solari possono quindi essere visti all’interno della lunghezza estesa del corpo di Nut, che rappresentano il viaggio quotidiano di dodici ore del dio del sole attraverso il mondo sotterraneo di notte, prima della sua rinascita ad est, giovane, rinnovato e pieno di vita. Attraverso questo testo, proprio come il dio del sole, il re poteva ottenere una gloriosa rinascita nell’orizzonte orientale all’alba.

Guarda in 3D La Tomba di Ramses VI

 

Il tempio di Amada

 


Tempio di Amada

 

Il tempio di Amada, dedicato agli dei Amon e Ra-Horakhty, è uno dei templi più importanti della Nubia. Risale alla XVIII dinastia, quando il nucleo del tempio fu costruito dai re Thutmose III (1479–1425 a.C. circa) e Amenhotep II (1427–1400 a.C. circa) e dal re Thutmosi IV (1400–1390 a.C. circa ). Le immagini del dio Amon sulle pareti del tempio furono distrutte successivamente, durante il regno di Akhenaton (c.1352–1336 aC). Alcune aggiunte furono fatte da diversi re della XIX dinastia, in particolare Sety I (c.1294–1279 aC) e suo figlio Ramesse II (c.1279–1213 aC), che intraprese anche lavori di restauro. Il figlio di quest’ultimo, Merenptah (1213-1203 aC circa) ha scolpito qui un testo in cui si vanta della sua vittoria su un attacco all’Egitto. Un altro importante testo storico in questo tempio è di Amenhotep II, in cui registra la sua vittoria sui nemici in Siria. Il tempio di Amada è stato salvato negli anni ’60 dalle acque in aumento del Nilo ed è stato spostato dall’UNESCO nella sua posizione attuale, a 2,6 chilometri dal suo sito originale.

Guarda in 3D Il Tempio di Amada

 

Palazzo Signorile

 


Palazzo Signorile Egitto

Il Palazzo Signorile è considerato un capolavoro architettonico unico e si trova all’estremità meridionale dell’isola di Al-Rawda. Questo palazzo (che è stato chiamato il chiosco) è stato fondato dal defunto Hassan Fouad Pasha Al-Manesterly durante il regno di Abbas Tousoun bin Muhammad Ali Pasha. Si compone di un atrio rettangolare che comprende un soggiorno, due camere, un bagno e un’altra stanza sul lato est. Inoltre, sul lato occidentale e meridionale, un balcone di legno si affaccia sul Nilo.

Guarda in 3D il Palazzo Signorile

 

La Tomba di Ty

 


La Tomba di Ty

la Tomba di Ty a Saqqara è stata scoperta nel 1877 da Auguste Mariette. La tomba di Ty è considerata una delle più spettacolari dell’Antico Regno per lo splendore e la precisione delle sue iscrizioni e per la conservazione dei suoi colori. Le pareti della tomba mostrano varie scene di vita quotidiana, le più importanti delle quali sono quelle raffiguranti l’agricoltura, la costruzione di barche, il pascolo e l’ingrasso del pollame. Ty era un alto funzionario della quinta dinastia (2494–2345 aC circa), che servì come supervisore delle piramidi e dei templi solari di Abusir. La tomba ha un serdab (“grotta” in persiano), una camera sigillata contenente una o più statue del defunto. Una piccola apertura rettangolare nel muro del serdab di Ty funge da finestra attraverso la quale lui, incarnato nelle sue statue, poteva osservare le offerte che gli venivano presentate. La camera funeraria di Ty, scavata nella roccia sotto la cappella della tomba, contiene l’enorme sarcofago di pietra calcarea in cui fu sepolto.

Guarda in 3D la Tomba di Ty

 

Chiesa di Abu Sarjah

 


La Chiesa di Abu Sarjah

Questa chiesa ha un posto speciale tra il resto delle chiese copte, perché è legata al viaggio della Sacra Famiglia in Egitto. Il suo nome è attribuito ai santi Sergio e Bacco, martirizzati nella regione di Rusafa in Siria secondo la credenza cristiana. La chiesa e la sua grotta sotterranea furono progettate in stile Basilica, costituite da uno spazio trasversale, arcate longitudinali e un’abside orientale (sotto la grotta). Essa si distingue per le sue caratteristiche architettoniche e artistiche uniche che riflettono lo spirito dell’architettura copta in Egitto. Su varie cupole e colonne sono ritratte scene religiose che rappresentano i santi e gli apostoli. La chiesa fu edificata sulle rovine di un antico castello romano, e alcuni studiosi ritengono che risalga alla fine del IV e all’inizio del V secolo d.C., mentre altri pensano che risalga al XVII secolo d.C.

Guarda in 3D La Chiesa di Abu Sarjah

 

La sala di Tutankhamon

 


La sala di Tutankhamon

Il ​​tour virtuale nella sala di Tutankhamon al Museo Egizio di Tahrir permette di esplorare la preziosa collezione del re ragazzo.
Il 4 novembre 1922 l’archeologo britannico Howard Carter fece la scoperta più spettacolare nella storia dell’archeologia: la tomba del ragazzo-re Tutankhamon. I lavori durarono quasi dieci anni e le sue quattro piccole camere, scavate nella roccia nascoste sotto le sabbie della Valle dei Re, hanno restituito oltre 5.000 oggetti incredibili a testimonianza della vita e della morte di questo re.
Molto probabilmente il figlio del re “eretico” Akhenaton, salì al trono intorno all’età di nove anni, all’indomani del grande sconvolgimento religioso del periodo di Amarna. Era sposato con Ankhsenamun, la sua sorellastra terza figlia di Akhenaton e Nefertiti.
All’inizio del suo regno, il faraone d’oro restituì ricchezza e potere al grande dio Amon-Re. Sebbene una recente TAC della mummia di Tutankhamon abbia rivelato nuove interessanti informazioni sulle tecniche della sua mummificazione e abbia confermato che aveva circa 10 anni quando morì, la causa della sua morte è ancora incerta.
La maggior parte degli oggetti scoperti nella tomba di Tutankhamon qui in mostra sono stati effettivamente utilizzati durante la sua vita. Altri, al contrario, furono creati appositamente per essere sepolti con lui. Ciò che entrambi i tipi di oggetti hanno in comune, tuttavia, è che sono tutti testimonianze della maestria dei loro creatori, del loro mestiere e della grande ricchezza che il tesoro reale aveva accumulato attraverso l’impero che i re del Nuovo Regno avevano costruito.

Tra gli oggetti in mostra più significativi di Tutankhamon ci sono:
– La maschera d’oro
– La bara più interna, realizzata in oro massiccio
– La bara centrale
– Le bare d’oro per i suoi organi interni

Guarda in 3D La sala di Tutankhamon

 

Moschea reale di Al-Fath

 


Moschea reale di Al-Fath

Goditi con noi un nuovo tour virtuale all’interno di una delle strutture architettoniche risalenti al XIX secolo: la Moschea reale di Al-Fath nella regione di Abdeen, costruita dal principe Abdin Bey, attaccata al palazzo Abdeen (1041 a.C / 1631 d.C.). Questa moschea è caratterizzata dalla continuità del modello architettonico ottomano nella costruzione delle moschee, oltre all’emergere prominente delle caratteristiche architettoniche e tecniche dell’architettura del diciannovesimo secolo in Egitto, poiché è stata costruita in stile ottomano ed è simile nella pianificazione alla Moschea di Muhammad Ali nella Cittadella. La facciata principale si apre sulla strada della Moschea Abdeen e conduce a una camera oscura e quindi a un ingresso Rotto, che a sua volta porta alla moschea.
La disposizione della moschea è un’area quadrata sormontata da una cupola, con quattro semi-cupole perpendicolari ad essa sui quattro lati e quattro piccole cupole ai quattro angoli della moschea.

Guarda in 3D La Moschea reale di Al-Fath

 

Moschea di Muhammad Ali

 


Moschea di Muhammad Ali

La Moschea di Muhammad Ali nella cittadella di Salah al-Din al-Ayyubi è stata fondata nell’era di Muhammad Ali Pasha. La moschea è divisa in due parti, una delle quali è conosciuta come la sezione coperta (la Casa di Preghiera), mentre l’altra è conosciuta come Haram e comprende due minareti a forma di minareti ottomani con una sommità conica. Muhammad Ali Pasha ha affidato all’ingegnere turco Yusef Bouchnak il suo sviluppo, compreso il cortile e la fontana con alcune modifiche. L’implementazione ufficiale dell’edificio iniziò nel 1830 e i lavori continuarono senza interruzioni fino alla morte di Muhammad Ali nell’anno 1848, completandolo dal punto di vista architettonico.
Quando Abbas Pasha prese il comando nel 1848 ne ordinò il completamento: le sue opere riguardavano l’incisione, la doratura e alcuni lavori in marmo. Egli ordinò la creazione di una composizione in marmo e una cabina di rame, al suo interno realizzò candelabri d’argento e dorati, ordinò anche un materasso e l’accensione a Najaf. In seguito Said Pasha, nel 1854 d.C., ordinò che il santuario di rame fosse dipinto e apportò alcune modifiche ai suoi scritti.

Guarda in 3D La Moschea di Muhammad Ali

 

Il complesso funerario del re Unas

 


Il complesso funerario del re Unas

Il tour si svolge nel complesso funerario di Re Unas (2375–2345 aC circa), l’ultimo re della V dinastia. Contiene tutti i componenti del complesso funerario reale dell’Antico Regno. Comprende il tempio della valle, il tempio funerario, la strada rialzata che li collega e la piramide stessa. L’ingresso alla piramide si trova sul lato nord. Un corridoio discendente conduce ad un atrio, quindi ad una galleria orizzontale che termina in un’anticamera con tre piccole riviste alla sua sinistra. Sulla destra c’è la camera funeraria, che contiene i più antichi Testi delle Piramidi conosciuti. Queste sono iscrizioni religiose che hanno aiutato il re defunto nella sua risurrezione e lo guidano a raggiungere il dio del sole Ra nel cielo.

Guarda in 3D Il complesso funerario del re Unas

 

Colonnato d’ingresso al complesso di Djoser

 


Colonnato d’ingresso al complesso di Djoser

Il gruppo piramidale del re Djoser comprende 10 elementi architettonici tra cui l’atrio, la sala formata da 40 colonne su due file, il cortile aperto, la piramide a gradini alta 60 metri, il cimitero meridionale, il tempio funerario e il locale interrato.

Guarda in 3D Il Colonnato d’ingresso al complesso di Djoser

 

La tomba di Niankh-khnum & Knumhotep

 


La tomba di Niankh-khnum & Knumhotep

Il cimitero di Ni Ankh Khnum e Khnum Hotep è situato nell’antica regione di Saqqara, ed è conosciuto come la “Tomba dei Due Fratelli”. Questo cimitero appartiene a due degli alti funzionari della quinta dinastia, vale a dire “Ni Ankh Khnum” e “Khnum Hotep”, i sacerdoti nel Tempio del Sole del re “Ni e Sir Ra” nella regione di Abu Ghurab, che hanno anche lavorato come stilisti per i capelli del re e supervisori dei suoi tagliaunghie.
Gli studi più recenti affermano che non erano solo fratelli ma gemelli. La tomba è stata scoperta nel 1965 ed è composta da due parti, una in pietra calcarea e l’altra scavata nella roccia. Il suo ingresso è decorato da due colonne incise con i nomi e cognomi dei fratelli. L’ingresso conduce ad un gruppo di stanze con una corte aperta. Contiene molte scene dipinte, la più famosa mostra due uomini che si abbracciano, che è una scena unica che non è mai stata vista prima nelle tombe di Saqqara. Inoltre sono raffigurate scene di vita quotidiana come agricoltura, caccia, macellazione di animali, oreficeria e scultura di statue.

Guarda in 3D la tomba di Niankh-khnum & Knumhotep

 

La tomba di Mehu

 


La tomba di Mehu

Mehu fu Capo della giustizia e visir della sesta dinastia, regno del re Teti (2345-2323 a.C. circa).
Durante il regno di Teti nella prima parte della VI dinastia dell’Antico Regno, Mehu era “Capo Giustizio e Visir”. Era sposato con Iku, i cui titoli includevano “la figlia del re del suo corpo”. Le sue altre due mogli erano Nebt e Nefertkawes. Mehu fu sepolto in una tomba a Saqqara, scoperta da un archeologo egiziano di nome Zaki Saad, a nord della strada rialzata Unas e ad est della Mastaba della principessa Idut.
La tomba di Mehu illustra la vita quotidiana, inclusa la raccolta, la pesca con le reti, le navi mercantili, le barche a vela, la lavorazione dei metalli e scene di offerte e giardinaggio. Contiene anche scene di cottura, preparazione della birra e preparazione degli uccelli per un pasto.
All’estremità occidentale del lungo corridoio sopra la porta ci sono scene che raffigurano persone che raccolgono frutta, offerte come un toro, un orice e gazzelle, nonché cesti pieni di frutta. Da qui, un breve passaggio conduce in una sala “offerte” dove sono ne sono raffigurate molte altre, oltre a scene di musicisti, tra cui quattro arpisti, ballerini e battagli.

Guarda in 3D la Tomba di Mehu

 

Il museo Copto

 


Il museo Copto

Il Museo Copto ospita la più grande collezione al mondo di oggetti cristiani egiziani. Marcus Simaika Pasha, che aveva una grande passione per la coptologia, fu il primo a proporre la costruzione di un museo per l’arte copta. Suggerì l’idea a Papa Cirillo V nel 1908, che accolse l’idea e assegnò una stanza nella Chiesa sospesa come spazio in cui raccogliere oggetti che rappresentano l’arte copta.
Papa Cirillo assegnò anche un pezzo di terreno vicino alla Chiesa sospesa su cui fondare il museo. Questo luogo ideale ha permesso ai visitatori di vedere le chiese della zona e familiarizzare con l’architettura e l’arte copta.
Il Museo Copto è stato inaugurato il 14 Marzo 1910 dopo che esempi di arte copta erano stati raccolti da tutto il paese. Molti di questi oggetti erano stati acquistati, ma molti altri furono generosamente donati da chiese, monasteri e ricchi copti, tutti entusiasti dell’idea di un museo.
Nel 1931 fu proposta l’idea di costruire una nuova ala del museo per ampliare lo spazio disponibile. L’artista Ragheb Ayad ha progettato una nuova facciata dell’edificio con la stessa disposizione e utilizzando gli stessi elementi decorativi di quelli per la moschea di al-Aqmar, che assomigliano a quelli usati nell’arte copta. Il Museo Copto rientrava nella giurisdizione del Dipartimento delle Antichità del governo egiziano e la collezione di manufatti cristiani del Museo Egizio è stata trasferita in questo museo. La nuova ala fu inaugurata nel 1947.

Guarda in 3D Il museo Copto

 

Tomba di Wahti

 


Tomba di Wahti

Questo cimitero è una delle scoperte più importanti fatte dal ministero negli ultimi anni, non solo per i colori e i tesori che porta, ma anche perché ci ricorda l’interesse degli antichi egizi nella prevenzione delle malattie e nell’utilizzo di tutti gli strumenti di disinfezione e sterilizzazione disponibili, come acqua, oli e profumi.

Guarda in 3D la Tomba di Wahti

2 Comments

  1. matteo alessio gelli 9- 11 anni from italy ha detto:

    buongiorno,
    siamo 2 fratelli che ci piacerebbe vedere tutti gli ambienti di questo museo in forma digitale.
    Quando saranno disponibili gli altri modelli?

  2. Nibes ha detto:

    Ciao Matteo e Alessio,
    che bello vedere che siate interessati a questi musei nonostante la vostra giovane età!
    Non potevamo non accontentarvi, così abbiamo appena aggiornato questa pagina con nuove rappresentazioni in 3D dei musei Egizi.
    Buona visione e un abbraccio a entrambi da tutto il nostro Staff!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×